Consigli utili: Mountain Bike, storia di una bicicletta di successo

Al giorno d’oggi, se ne vedono diverse percorrere strade o tracciati di montagna, ma le mountain bike (termine ridotto spesso in Mtb), in realtà, hanno una storia relativamente recente e solo negli ultimi decenni si sono diffuse notevolmente. Gli sportivi appassionati, in sella alle loro biciclette con tanto di abbigliamento e scarpe mtb specifiche, tuttavia non conoscono spesso la storia del mezzo su cui seggono.

Una storia davvero affascinante e proveniente dagli Stati Uniti, che coinvolge alcuni appassionati di gare su bicicletta, ma davvero ingegnosi. Un gruppo di uomini che, modificando semplicemente un vecchio telaio ciclistico, inventarono un nuovo genere di mezzo e, di conseguenza, una nuova specialità del ciclismo. Il successo di questa invenzione si può verificare quotidianamente, in Italia e nel resto del mondo, vedendo ragazzi e adulti sfrecciare in sella a queste biciclette.

Come nacque la mountain bike

Intorno alla metà degli anni ’70, in California, Gary Fischer pensò di modificare una vecchia Schwinn Excelsior, una bicicletta davvero pesante e robusta, utilizzata solitamente per trasportare varie merci. Ne modificò il telaio, togliendo parafanghi, rinforzando i freni e aggiungendovi un cambio. In seguito, questa nuova bicicletta venne ulteriormente affinata, migliorata e resa più leggera, grazie alle idee e brillanti soluzioni adottate da Tom Ritchey, Joe Breeze e Charles Kelly.

Questo nuovo mezzo, realizzato per escursioni fuoristrada e, in particolare, per effettuare discese lungo ripidi sentieri di montagna, venne subito messo alla prova. Infatti, nel 1976, venne allestita la prima gara ufficiale per mountain bike (chiamate allora ATB, All Terrain Bike), la Repack, che si svolse in discesa, con partenza in prossimità della cima del monte Tamalpais (California) e arrivo a valle. Nel corso degli anni, ebbe inizio la produzione di serie e le mountain bike si diffusero nel resto del Paese.

Le mountain bike in Italia

Nel nostro Paese, i primi modelli provenienti dagli USA sbarcarono grazie a degli appassionati italiani e si dovette attendere il 1985 per vedere il primo esemplare realizzato da una fabbrica lombarda. Inizialmente gli venne dato il nome di “Rampichino” e fu prodotta in serie. Due anni dopo, si tenne a Madonna di Campiglio il primo raduno di mountain bike in Italia e la prima gara ufficiale per questo nuovo mezzo.

L’evoluzione odierna

Nel corso del tempo, questa bicicletta da fuoristrada ha visto un successo straordinario in tutto il mondo ed un’evoluzione sia nei materiali utilizzati che nelle forme geometriche. Si è dato spazio infatti a metalli più leggeri ma maggiormente resistenti, forcelle più ammortizzate, freni a disco e naturalmente diversi accessori specifici, dai caschi alle scarpe. Inoltre, si sono organizzate diverse tipologie di gare e creati altri modelli di mountain bike, che oggi si possono ammirare anche alle Olimpiadi.

L'articolo Mountain Bike, storia di una bicicletta di successo sembra essere il primo su OnlineUps.

Consigli utili: Come trovare lavoro all’estero

Negli ultimi dieci anni in Italia si è assistito all’aumento esponenziale del numero di persone che decidono di emigrare all’estero in cerca di un’occupazione e questo riguarda soprattutto la categoria più giovane, quella che va dai 18 ai 30 anni.

Tra le principali cause di questo fenomeno troviamo sicuramente il precariato e i bassi salari che vengono offerti, mentre all’estero gli stipendi sono molto più alti, inoltre la mancanza di strutture di ricerca avanzate ha portato ad una grossa “fuga di cervelli”.

Consigli per la ricerca del lavoro

Quando si decide di cercare un lavoro all’estero la prima cosa da fare è la pianificazione, partendo da un’analisi di quelle che sono le nostre capacità e andare quindi a cercare un lavoro in quella categoria o comprendere quanto siamo flessibili ad imparare un nuovo mestiere.

Dopo aver fatto una prima analisi è importante fare una lista dei posti dove vorremmo andare e cercare di conoscere più cose possibili sui luoghi dove vogliamo trasferirci. Cnn l’aiuto di internet ci si può iscrivere ad un’agenzia di lavoro del posto e iniziare a vedere se ci sono dei lavori adatti alle nostre caratteristiche o in alternativa dei corsi che vogliamo seguire per specializzarci.

Quando si decide di andare all’estero dobbiamo affrontare anche il problema della lingua e quindi è sempre consigliabile prepararsi un minimo prima di partire, magari facendo dei corsi di tedesco a Roma, se la nostra meta è la Germania o di inglese.

Una conoscenza linguistica di base è molto importante, ma questa va poi perfezionata sul posto, infatti questa va bene per i lavori più semplici, ma se poi si vogliono avere professioni diverse e più specializzate è fondamentale conoscere bene la lingua.

Un altro fattore molto importante che viene spesso trascurato da chi decide di trasferirsi all’estero per lavoro è quello che riguarda la conoscenza della cultura lavorativa del paese che ci ospita, infatti ogni nazione si differenzia per il modo di vedere il lavoro, solitamente cambiano cose come la pausa pranzo o l’orario di lavoro.

La cosa basilare quando si decide di trasferirsi all’estero per lavoro è quello di sapersi adattare alle situazioni che si vanno a presentare, sia che queste riguardino una posizione lavorativa non ottimale o una casa che non ci piace.

Se si sceglie di andare a lavorare all’estero è importante tenere duro e allontanare la nostalgia soprattutto per i primi mesi, che sono sempre i più duri.

L'articolo Come trovare lavoro all’estero sembra essere il primo su OnlineUps.

dopo il giullare grillo anche il pagliaccio renzi si sgonfia

dopo il giullare grillo anche il pagliaccio renzi si sgonfia

La Corte dei Conti, grazie anche ad un esposto presentato proprio da Maiorano, sta indagando per appurare se nella gestione Renzi 2004-2009 ci siano gli estremi per attribuire un danno erariale. E gli organi di stampa si stanno interessando all’argomento, probabilmente sull’onda emotiva dello scandalo Lazio. O forse perché Renzi è candidato alle primarie del Pd contro Bersani.
Fatto sta che, proprio grazie alla documentazione inviataci da Maiorano, noi di Qelsi abbiamo denunciato le spese pazze del Rottamatore già da giugno, in tempi non sospetti.

E oggi intervistiamo “l’incubo di Renzi” per primi.

Alessandro Maiorano, la tua “guerra” a Renzi inizia con una denuncia per mobbing. Raccontaci perché. Premetto che in anni di lavoro presso il Comune di Firenze mai mi ero permesso di dire una sola parola su tutti gli altri sindaci che hanno preceduto Renzi. Ma su questo sindaco è impossibile non dire nulla, visto che si è permesso persino sui giornali nazionali di chiamarci tutti “Fantozzi”.
Fantozzi sarà lui e tutti quei suoi cento amici che ha fatto assumere a chiamata diretta.
Detto questo, il sindaco e altri personaggi del Comune si sono comportati male, non tanto con me quanto con mia madre gravemente malata da anni che assisto personalmente da inizio malattia. Matteo Renzi, pur conoscendo tutta la mia situazione, da buon “cattolico” come dice di essere se n’è fregato. Pazienza, ecco il perché della mia denuncia che tanto non porterà a nulla conoscendo la giustizia in Italia.
Oggi la Corte dei Conti indaga sulle spese di Renzi da presidente della provincia. Può essere considerata anche una tua vittoria personale?
Non c’è nessuna vittoria personale, ne ho avute di più importanti. Questa con Renzi per me è acqua fresca, impegnarsi contro di lui è fin troppo facile. Renzi è solo “un’alborella”, lo avrei fatto anche con pesci più grossi se mi fossero capitati sotto il naso sprechi evidenti come questi 20 milioni che Renzi ha dilapidato dal 2004 al 2009.
Come sei venuto in possesso di tutte le fatture?
Le ho semplicemente agganciate su un sito tramite il quale un politico (Guido Sensi n.d.r) tentò di far presente alle istituzioni che gli sprechi di Renzi erano abnormi. Ho ripreso in mano io tutta la situazione, coinvolgendo mie personali conoscenze al ministero e nelle istituzioni, ho presentato esposti e tutto per miracolo si è mosso. Ora vediamo gli esiti.
Renzi, attraverso il suo comitato elettorale, dice di aver usato la massima trasparenza e aver pubblicato sul suo sito tutte le spese. E pure di non aver mai sforato il plafond di 10.000 euro mensili con la carta di credito della provincia. I documenti che ci hai mandato lo smentiscono. Il Rottamatore ha omesso altre verità?
Mi hanno colpito per esempio quei 3000 euro spesi una notte in un grande albergo americano, chissà cosa ci avrà fatto. E poi i 707.000 euro dati ad una fantomatica associazione con sede a Prato chiamata Culter, ma sono tutti i 20 milioni che mi hanno colpito, specialmente in un periodo delicato come questo.
Florence Multimedia, l’ufficio stampa creato per valorizzare l’immagine di Renzi, è lo spreco peggiore della sua gestione?

la religione ebraica condanna il sionismo

la religione ebraica condanna il sionismo

Noi riconosciamo dunque nel giudaismo un universale elemento attuale antisociale, il quale, attraverso lo sviluppo storico, cui gli ebrei per questo lato cattivo hanno collaborato con zelo, venne sospinto fino al sua presente vertice, un vertice sul quale deve necessariamente dissolversi. L’emancipazione degli ebrei nel suo significato ultimo è la emancipazione dell’umanità dal giudaismo…

…L’ebreo si è emancipato in modo giudaico non solo in quanto si è appropriato della potenza del denaro, ma altresì in quanto il denaro per mezzo di lui e senza di lui è diventato una potenza mondiale, e lo spirito pratico dell’ebreo, lo spirito pratico dei popoli cristiani. Gli ebrei si sono emancipati nella misura in cui i cristiani sono diventati ebrei.

Mammona è il loro idolo, essi lo pregano non soltanto con le loro labbra, ma con tutte le forze del loro corpo e del loro animo. La terra ai loro occhi altro non è se non una Borsa, ed essi sono convinti di non avere quaggiù altra destinazione che quella di diventare più ricchi dei loro vicini. Il traffico si è impossessato di tutti i loro pensieri, lo scambio degli oggetti forma il loro unico svago. Quando viaggiano, si portano in giro, per così dire, le loro merci e il loro banco sulla schiena, e non parlano che di interessi e di guadagno. Se per un istante perdono d’occhio i loro affari ciò avviene soltanto per ficcare il naso in quelli degli altri”.

Invero la signoria pratica del giudaismo sul mondo cristiano ha raggiunto nel Nordamerica l’espressione non equivoca, normale, così che l’annunzio stesso del Vangelo, la predicazione cristiana è divenuto un articolo di commercio, e il commerciante fallito traffica in Vangelo come l’evangelista arricchito traffica negli affari…

…ll giudaismo si è mantenuto a lato del cristianesimo non soltanto come critica religiosa del cristianesimo, non soltanto come dubbio vivente sulla nascita religiosa del cristianesimo, ma parimenti perché lo spirito pratico-giuda, perché il giudaismo si è mantenuto nella società cristiana, anzi vi ha ottenuto la sua massima perfezione. L’ebreo, che sta nella società civile come membro particolare, è solo la manifestazione particolare dei giudaismo della società civile. Il giudaismo si è conservato non già malgrado la storia, bensì per la storia. Dalle sue proprie viscere la società civile genera continuamente l’ebreo. Qual era in sé e per sé il fondamento della religione ebraica? Il bisogno , l’egoismo. Il monoteismo dell’ebreo è perciò, nella realtà, il politeismo dei molti bisogni, un politeismo che persino della latrina fa un oggetto della legge divina. Il bisogno pratico, l’egoismo, è il principio della società civile, ed emerge come tale puramente, non appena la società civile abbia completamente partorito lo Stato politico. Il Dio del bisogno pratico e dell’egoismo è il denaro. Il denaro è il geloso Dio d’Israele, di fronte al quale nessun altro Dio può esistere.