Consigli utili: Come preparare lo zaino per un’escursione in MTB

Le uscite in montagna in bici richiedono tempo nella preparazione e nell’esecuzione, di solito si resta fuori casa tutto il giorno e in alcuni casi si decide di soggiornare fuori o accamparsi sotto le stelle per proseguire il sentiero il giorno dopo. In questi casi, è necessario attrezzarsi con il giusto abbigliamento da mountain bike e, soprattutto, sapere cosa mettere nello zaino per affrontare qualsiasi situazione e imprevisto, da quelli meccanici del mezzo a quelli atmosferici, al cibo, al kit di pronto soccorso.

Come si organizza lo zaino per un’escursione in MTB

Organizzare bene il proprio zaino prima di partire per una gita in montagna con la MTB significa darsi la possibilità di godere dell’uscita con la consapevolezza di poter affrontare anche i piccoli inconvenienti di percorso, dal temporale al guasto meccanico. La cosa più importante da cui cominciare è proprio lo zaino, la cui robustezza e capienza devono essere ben valutati. In commercio se ne trovano di tutti i tipi e caratteristiche, ma la cosa più importante da considerare è che.

  • abbia le bretelle imbottite per ammortizzare il peso a pieno carico (circa 6-7 kg) sulle spalle e per molte ore del giorno;
  • abbia la possibilità di essere allacciato anche in vita per distribuire meglio il carico sulle spalle;
  • sia comodo e capiente, né troppo piccolo è troppo grande (una capienza discreta è compresa tra 16 e 20 litri);
  • abbia la protezione per la schiena.

Dopo aver scelto, lo zaino giusto per sé occorre sapere cosa metterci dentro. Ciò che non può mancare è:

  • il cibo;
  • l’attrezzatura tecnica e di manutenzione;
  • kit emergenza e pronto soccorso.

Cosa mettere nello zaino per un’escursione in MTB

I viveri sono la prima cosa che viene in mente nel riempire uno zaino prima di un’escursione, ma la tipologia e la quantità dipendono dal percorso scelto e dal periodo dell’anno in cui si sceglie di fare l’uscita. L’acqua – almeno 1 litro – non deve mai mancare, il pranzo a sacco deve essere sufficiente per soddisfare e compensare la fatica e in base alla propria fisicità, qualche snack, barretta o gel energetico per compensare eventuali cali di energia. Acqua e snack devono essere posti a portata di mano, mentre il pranzo può essere collocato anche a metà fondo.

Per quanto riguarda l’attrezzatura tecnica, si intende:

  • l’abbigliamento MTB adeguato: maglia tecnica di ricambio, giacca antivento e antipioggia traspiranti, copertura antipioggia per lo zaino;
  • dispositivo GPS e cartina topografica (sempre utile in caso di perdita del segnale o batterie scariche, quindi batterie di ricarica;

Per la manutenzione della bici è bene portarsi dietro:

  • un caccia gomme;
  • due camere d’aria con kit di riparazione (pezzi di vecchie camere d’aria per forature, false maglie per la catena, pastiglie per i freni);
  • pompa per il gonfiamento delle camere d’aria;
  • una cassetta multitool (con chiavi a cricchetto, smaglia-catena, tira-raggi, brugole da 6, 8 e 10, pinza, nastro isolante);
  • pompa per sospensioni.

Ci si augura sempre di ritornare illesi e senza graffi da una gita, ma gli inconvenienti e i piccoli incidenti possono capitare e, quindi, nello zaino è sempre utile portarsi dietro un kit efficiente per le emergenze e il pronto soccorso che comprendano:

  • cellulare (che sia carico e abbia credito);
  • documenti di riconoscimento e un foglio in cui si riporta il proprio gruppo sanguigno e se si soffre di una patologia o allergia particolare;
  • kit di primo soccorso (quelli da viaggio che si trovano in commercio sono completi e ve ne sono alcuni specifici per gli incidenti in MTB);
  • fazzoletti di carta (meno ingombranti della carta igienica);
  • fischietto di segnalazione.

Al di là dell’indispensabile, ognuno è libero di personalizzare il proprio zaino anche e soprattutto in base alle diverse esigenze e abitudini di ciascuno.

L'articolo Come preparare lo zaino per un’escursione in MTB sembra essere il primo su OnlineUps.

Consigli utili: Obblighi di legge per i datori di lavoro dei dipendenti che lavorano al Pc

Lavorare al pc in una azienda, per parecchie ore consecutive, comporta rischi che possono recare danni alla salute e alla sicurezza del dipendente. I datori di lavoro, devono rispettare gli obblighi di legge in base all’art. 54 del d.lgs. 626/94 le cui norme si applicano ai compiti del lavoratore che è addetto all’uso di attrezzature munite di videoterminali.

Per maggiori informazioni potete rivolgervi ad aziende private che si occupano di sicurezza sul lavoro a Roma che offrono servizi sulla sicurezza, come la US GROUP.

Art. 54 del d.lgs. 626/94

Tocca al datore di lavoro, in base all’art.4 comma 1, valutare i rischi ai quali vanno incontro i suoi dipendenti:

  • Per la vista e per gli occhi;
  • Per i problemi che riguardano la postura e l’affaticamento fisico e mentale;
  • Per le condizioni ergonomiche e di igiene ambientale.
  • Il datore di lavoro deve adottare le misure per evitare questi rischi.

Tocca sempre al datore di lavoro assegnare le mansioni e i compiti lavorativi, ai dipendenti che sono addetti ad usare i Computer e distribuire il lavoro evitando che sia ripetitivo e continuativo, concedendo al dipendente una interruzione del lavoro davanti al Pc.

Pausa di 15 minuti ogni 2 ore

L’articolo di legge recita che se il dipendente svolge l’attività lavorativa per almeno 4 ore consecutive, il datore di lavoro, ha l’obbligo secondo le norme stabilite dalla contrattazione collettiva anche aziendale, di concedergli pause, oppure assegnargli altre mansioni. Il dipendente in ogni caso, anche in assenza della disposizione contrattuale, per diritto deve fare una pausa, (che è parte integrante dell’orario di lavoro) di 15 minuti ogni 2 ore di presenza continuativa davanti al Computer.

Nell’articolo di legge, si evidenzia che:

I dipendenti prima di essere assegnati al lavoro ai terminali devono essere sottoposti a visita medica che escluda presenza di malformazioni strutturali e ad una visita oculistica. In base all’esito delle visite mediche tali dipendenti, saranno ritenuti:

  • idonei, con o senza prescrizioni;
  • non idonei;

In ogni caso i dipendenti saranno sottoposti ad una sorveglianza sanitaria e a visite di controllo periodiche che saranno stabilite dal medico competente. Biennale per coloro che sono stati ritenuti idonei, e per colore che hanno superato i 50 anni e ogni 5 anni per tutti gli altri.

Il dipendente se lo richiede, può svolgere un controllo oftalmologico, se si accorge di avere dei problemi, confermati dal medico competente, alla vista.

È compito a sue spese del datore di lavoro, di fornire ai dipendenti i dispositivi speciali per la correzione visiva, resa necessaria a causa dell’attività svolta davanti ai terminali, se i risultati delle visite mediche specialistiche lo confermino e qualora non si rende possibile usare normali dispositivi di correzione.

L'articolo Obblighi di legge per i datori di lavoro dei dipendenti che lavorano al Pc sembra essere il primo su OnlineUps.

Consigli utili: Brand Awareness e la piramide di Aaker

Affinché un’azienda possa affermarsi con i propri prodotti o servizi sul mercato nazionale ed estero deve attuare diverse strategie di marketing, utilizzando vari mezzi, tra cui anche il web. Negli ultimi anni il cosiddetto web marketing sta acquisendo sempre più importanza strategica, il che ha portato, tra l’altro, alla nascita di diverse aziende, come ElaMedia Group, che offrono consulenza web marketing a molte imprese, dalle piccole alle grandi.

Uno dei tanti aspetti importanti di questo genere di marketing è quello del marchio aziendale, della diffusione della sua notorietà, della sua riconoscibilità e del suo valore in termini di affidabilità, qualità e prestigio, che si riesce a trasmettere alle persone. Si parla, a questo proposito, della cosiddetta “Brand Awareness“. Questa, nel corso del tempo, è divenuta un importante obiettivo da raggiungere per il successo di una società, tuttavia il livello acquisito può essere misurato in maniera semplice ed efficace grazie alla cosiddetta “Piramide di Aaker“.

Andiamo ad approfondire cosa sia nello specifico la Brand Awareness e come il livello di questa possa essere misurato appunto con la piramide di Aaker, dal nome dell’economista che l’ha ideata.

Brand Awareness

Definita anche come “notorietà della marca“, non è altro che il livello di popolarità e riconoscibilità di un marchio aziendale tra le persone. Maggiori sono queste e maggiore è il successo di un’azienda e, di riflesso, dei suoi prodotti o servizi offerti. Esistono tuttavia vari livelli di Brand Awareness e alcune strategie di web marketing sono dirette proprio alla crescita o al consolidamento di questa notorietà.

La piramide di Aaker

Tale grafico è suddiviso in quattro livelli, con quello superiore che rappresenta l’obiettivo aziendale finale: i consumatori, quando pensano ad un prodotto o servizio, associano questi ad una società e di conseguenza tendono a cercarli in caso di necessità. Comunque, vediamo singolarmente come sono composti e cosa rappresentano questi stadi, da quello più basso a quello più alto:

– Livello 1, equivale all’assenza di conoscenza del marchio e dell’azienda ad essa collegata. Le persone e quindi gli eventuali clienti non sanno della sua presenza sul mercato e quindi non conoscono i suoi prodotti o servizi.

– Livello 2, rappresenta una conoscenza superficiale del marchio e dell’azienda. Si è usciti dall’anonimato più assoluto, tuttavia i prodotti di quel brand sono ancora conosciuti in maniera limitata e non sono molto ricercati;

– Livello 3, equivalente ad una conoscenza forte del marchio. In questo caso, le persone tendono a pensare anche ai suoi prodotti, nell’eventualità di una ricerca in un determinato ambito settoriale. Il brand è noto, ma ancora non celebre;

– Livello 4, definito anche come “top of mind”, significa che un marchio viene subito alla mente quando si è alla ricerca di determinati prodotti o servizi e, di conseguenza, la società è associata

L'articolo Brand Awareness e la piramide di Aaker sembra essere il primo su OnlineUps.

Consigli utili: Coffee store online: per risparmiare senza dover rinunciare alla qualità

Il caffè è la bevanda calda italiana per eccellenza, una bevanda che per la maggior parte degli italiani è irrinunciabile. Tutti amano bere una buona tazza di caffè caldo al mattino appena svegli, così da poter ottenere la sferzata di energia necessaria per poter iniziare al meglio la giornata, ma gli italiani non disdegnano una tazza di caffè neanche a metà mattina e soprattutto dopo pranzo.

Sì, perché il caffè dopo un buon pasto è proprio quello che ci vuole, per attivare la digestione, per pulire il palato, per poter gustare un buon dolcetto in modo davvero impeccabile e per ottenere un’altra dose di energia, sicuramente necessaria per affrontare al meglio anche il pomeriggio. E a molte persone, ammettiamolo, il caffè piace anche a metà pomeriggio, magari per accompagnare una leggera merenda, oppure dopo cena, per concludere al meglio la giornata. Il caffè insomma per la maggior parte degli italiani è una bevanda che li accompagna per tutto il giorno, dal mattino sino alla sera, quasi un’amica speciale della cui compagnia non si può in alcun modo fare a meno.

Il caffè al bar è un vero e proprio rito, dobbiamo ammetterlo. Perché andare al bar a bere il caffè non significa solo gustare un’ottima bevanda calda, ma anche socializzare, incontrarsi con il barista di fiducia e fare due chiacchiere, con lui così come con gli altri clienti abituali. Ma nonostante questo, tutti vogliono poter bere un eccellente caffè, buono e carico di equilibrio proprio come quello del bar, anche tra le quattro mura di casa. In questo modo infatti si ha la possibilità di rilassarsi durante il proprio tempo libero, da soli ma anche in compagnia della propria famiglia, dei parenti, degli amici. In questo modo si rende il caffè davvero parte integrante della propria routine quotidiana, anche quando andare al bar è impossibile o quando non si ha alcuna voglia di alzarsi dal proprio divano.

Per riuscire nell’impresa di poter dare vita anche a casa propria ad un eccellente caffè, è importante scegliere una macchina per il caffè di alta qualità e cialde che siano capaci di soddisfare appieno il proprio gusto personale. Molte persone hanno paura che la macchina del caffè e soprattutto le cialde necessarie possono avere prezzi davvero esorbitanti. Possiamo assicurarvi però che non è affatto così e che basta scegliere un coffee store online per riuscire a risparmiare in modo davvero intenso.

Vi consigliamo, ad esempio, di collegarvi al sito internet di Italian Coffee dove troverete le macchine per il caffè delle migliori marche oggi disponibili sul mercato, Illy, Nespresso, Bialetti, Lavazza, solo per fare alcuni dei nomi più conosciuti. Sia le macchine che le cialde sono disponibili in ogni possibile versione, così che scegliere sarà per voi davvero molto semplice, e i prezzi sono concorrenziali, in modo da permettervi di risparmiare molti soldi senza per questo dover rinunciare in alcun modo all’alta qualità.

E il bello è che non dovrete muovervi da casa per fare i vostri acquisti. Vi basterà sedervi dietro al computer oppure addirittura utilizzare il tablet e lo smartphone e in pochi semplici click riuscirete ad effettuare il vostro ordine e a pagare in tutta sicurezza. Nel giro di pochissimo tempo i vostri acquisti verranno recapitati presso il vostro domicilio e potrete subito gustare un eccellente caffè.

L'articolo Coffee store online: per risparmiare senza dover rinunciare alla qualità sembra essere il primo su OnlineUps.

Consigli utili: Mountain Bike, storia di una bicicletta di successo

Al giorno d’oggi, se ne vedono diverse percorrere strade o tracciati di montagna, ma le mountain bike (termine ridotto spesso in Mtb), in realtà, hanno una storia relativamente recente e solo negli ultimi decenni si sono diffuse notevolmente. Gli sportivi appassionati, in sella alle loro biciclette con tanto di abbigliamento e scarpe mtb specifiche, tuttavia non conoscono spesso la storia del mezzo su cui seggono.

Una storia davvero affascinante e proveniente dagli Stati Uniti, che coinvolge alcuni appassionati di gare su bicicletta, ma davvero ingegnosi. Un gruppo di uomini che, modificando semplicemente un vecchio telaio ciclistico, inventarono un nuovo genere di mezzo e, di conseguenza, una nuova specialità del ciclismo. Il successo di questa invenzione si può verificare quotidianamente, in Italia e nel resto del mondo, vedendo ragazzi e adulti sfrecciare in sella a queste biciclette.

Come nacque la mountain bike

Intorno alla metà degli anni ’70, in California, Gary Fischer pensò di modificare una vecchia Schwinn Excelsior, una bicicletta davvero pesante e robusta, utilizzata solitamente per trasportare varie merci. Ne modificò il telaio, togliendo parafanghi, rinforzando i freni e aggiungendovi un cambio. In seguito, questa nuova bicicletta venne ulteriormente affinata, migliorata e resa più leggera, grazie alle idee e brillanti soluzioni adottate da Tom Ritchey, Joe Breeze e Charles Kelly.

Questo nuovo mezzo, realizzato per escursioni fuoristrada e, in particolare, per effettuare discese lungo ripidi sentieri di montagna, venne subito messo alla prova. Infatti, nel 1976, venne allestita la prima gara ufficiale per mountain bike (chiamate allora ATB, All Terrain Bike), la Repack, che si svolse in discesa, con partenza in prossimità della cima del monte Tamalpais (California) e arrivo a valle. Nel corso degli anni, ebbe inizio la produzione di serie e le mountain bike si diffusero nel resto del Paese.

Le mountain bike in Italia

Nel nostro Paese, i primi modelli provenienti dagli USA sbarcarono grazie a degli appassionati italiani e si dovette attendere il 1985 per vedere il primo esemplare realizzato da una fabbrica lombarda. Inizialmente gli venne dato il nome di “Rampichino” e fu prodotta in serie. Due anni dopo, si tenne a Madonna di Campiglio il primo raduno di mountain bike in Italia e la prima gara ufficiale per questo nuovo mezzo.

L’evoluzione odierna

Nel corso del tempo, questa bicicletta da fuoristrada ha visto un successo straordinario in tutto il mondo ed un’evoluzione sia nei materiali utilizzati che nelle forme geometriche. Si è dato spazio infatti a metalli più leggeri ma maggiormente resistenti, forcelle più ammortizzate, freni a disco e naturalmente diversi accessori specifici, dai caschi alle scarpe. Inoltre, si sono organizzate diverse tipologie di gare e creati altri modelli di mountain bike, che oggi si possono ammirare anche alle Olimpiadi.

L'articolo Mountain Bike, storia di una bicicletta di successo sembra essere il primo su OnlineUps.