Pilates con la sfera – Tutorial e foto

Il Pilates è stato sviluppato quasi un secolo fa da Joseph Pilates e oggi continua ad essere una delle discipline più praticate al mondo.

Dal suo aspetto, questo metodo è stato sottoposto a varianti e aggiunte di nuovi esercizi. Uno di questi cambiamenti si è verificato quando si introducono le posture in cui si utilizza la palla o il ‘fitball’ . Questo strumento consente di eseguire esercizi che non possono essere eseguiti senza il tuo aiuto, incorporando nuovi movimenti per ottenere una maggiore tonicità e un maggiore controllo dei muscoli.

Questa è una delle posture pilates più comuni e quella che richiede concentrazione in entrambe le gambe e addome. Ricorda che è importante riscaldarsi prima di fare pilates . Spieghiamo di seguito come fare questo squat con palla [19645006]:

  1. È necessario essere vicino a un muro per sostenere la palla in esso.
  2. Allora devi sporgere sulla palla, in piedi e con la schiena alla parete, in modo che la metà della palla sia al livello della schiena inferiore
  3. Quando la posizione è stata raggiunta, il tronco verrà abbassato, come se si volesse eseguire il movimento di seduta una sedia, che mette a fuoco il movimento sui glutei, i quadricipiti e le lombate per evitare qualsiasi tipo di danno al ginocchio
  4. La ​​posizione si terrà per 20 secondi . Poi la posizione iniziale sarà recuperata lentamente, concentrandosi nuovamente sulle parti citate

Si raccomanda di eseguire questo movimento 5 volte

Forbici con palla

Un’altra posizione che è anche molto utilizzata per Per tonificare e rafforzare i muscoli delle gambe è la forbice con palla. È anche una posizione che richiede molta concentrazione per eseguire correttamente il movimento, dal momento che è necessario un sacco di equilibrio

  1. La palla è posta dietro, in modo che uno dei piedi possa essere supportato all’altezza del la caviglia sulla sommità della palla
  2. La ​​gamba che viene liberata e in avanti scenderà fino a raggiungere un angolo di 90 gradi con il suolo
  3. Poi la gamba viene lentamente sollevata di nuovo, per ripetere il movimento

Saranno eseguiti tre set di cinque ripetizioni con ogni gamba

Ponte con palla

Il ponte è uno degli esercizi più utilizzati per lo sviluppo e la tonificazione dei muscoli . dal momento che riesce a isolare praticamente i muscoli che eseguono il movimento. Se l’uso della palla è incorporato, i suoi effetti sono ulteriormente migliorati

  1. Questo esercizio viene eseguito sdraiato sul pavimento
  2. Le gambe sono disposte sulla palla, flettendo le ginocchia, come se voleste portarli alla palla. petto, ma senza i piedi che perde il contatto con la palla
  3. Successivamente, il tronco viene sollevato appoggiando i piedi sulla palla e centrando la forza sui glutei, sollevando il corpo verso il soffitto
  4. per 10 secondi e poi la posizione iniziale è recuperata per eseguire nuovamente la postura

Si consiglia di ripetere l’esercizio 5 volte

Una delle posture più comuni per l’esercizio dell’addome è quella di eseguire la tradizionale crunch addominale ma utilizzare la palla per migliorare la capacità di equilibrio e concentrazione muscolare

  1. Da posizionare nella posizione iniziare lì posizionare la palla sul terreno e sostenere le spalle e la parte superiore in esso
  2. Quando il bilanciamento è stato mantenuto in questa posizione, il movimento continuerà
  3. Consiste nel concentrare tutta la forza nel addome e gettando il busto in avanti, ricavando le spalle e la parte superiore della schiena per allontanarsi lentamente dalla palla
  4. Questa posizione sarà mantenuta per 10 secondi e sarà lentamente restituita alla prima, ripetere di nuovo dall’inizio

Si raccomanda di fare 5 ripetizioni di questo esercizio. Potresti anche essere interessato a questo altro articolo su Come fare pilates per l’addome .

Piastra in palla

Un’altra delle posizioni di pilates con palla che aiuta in modo molto efficace tono l’addome è il piatto.

  1. In primo luogo la palla viene posta sul suolo e gli avambracci sono supportati nella parte superiore della palla.
  2. Successivamente le gambe sono allungate, quindi che il corpo adotta una posizione parallela con il pavimento
  3. È molto importante mantenere sia l’addome che le natiche strette per evitare possibili disagio lombare
  4. La ​​posizione deve essere mantenuta per 30 secondi . Poi il corpo si rilassa e ripete.

 

Esercizi con banda elastica per glutei – Tutorial e foto

Una delle aree che più si cerca di migliorare, indurire e tonificare  attraverso l’esercizio è quella dei glutei.

Sia in casa che in palestra vi sono diversi modi di lavorare le natiche in modo specifico per ottenere una maggiore fermezza nella zona . Inoltre, è importante tenere presente che i muscoli che li rendono strettamente legati alla prestazione di tutte le attività sportive, quindi è importante mantenere questa area rafforzata per evitare possibili lesioni.

Nell’ampia varietà di esercizi che può essere scelto per tonificare e indurire le glutei, uno dei più efficaci è quello fatto con bande elastiche, in quanto lo sforzo di movimento deve essere aggiunto alla resistenza che crea questo strumento. In un COMO spiegheremo gli esercizi con elastico per le natiche più efficaci

Squat con fascia elastica

Lo squat è uno degli esercizi più completi che esiste ed è perfetto per rafforzare e tonificare le natiche e la parte superiore delle gambe. Se la resistenza di una fascia elastica viene aggiunta, l’efficacia dell’esercizio sarà molto maggiore.

  1. In primo luogo, la fascia è posta al di sopra delle ginocchia, per cui deve essere applicata la forza per separare le gambe. ] Quando è correttamente posizionato e fissato, il corpo verrà posizionato nella posizione iniziale per eseguire lo squat, cioè con le ginocchia separate in base alla larghezza delle spalle e leggermente flesse
  2. Per eseguire lo squat, il tronco è abbassato e glutei, come per sedersi, formare 90 gradi con il pavimento per evitare di affaticare le ginocchia.
  3. Dopo che la posizione iniziale recupererà lentamente, sempre concentrando la forza nei glutei, e quadricipiti

Si consiglia di fare 4 serie di 10 ripetizioni di questo esercizio.

Gli squat laterali con banda elastica

Questo esercizio viene eseguito facendo lo squat come spiegato in precedenza, ma con una leggera variazione . Qui spiegheremo passo dopo passo come eseguire l’angolo laterale con banda elastica :

  1. Iniziate mettendo la fascia elastica sotto le ginocchia, in quanto farà uno spostamento e quindi il La resistenza è maggiore
  2. Lo squat viene eseguito allo stesso modo, ma quando si abbassa ancora una volta, una delle gambe si muove al lato, aprendo il divario tra le gambe e aumentando la resistenza [19659007] Si tiene circa 10 secondi e cambia la gamba

Si consiglia di eseguire l’esercizio in 4 serie di 10 ripetizioni

Ponte con banda elastica

Uno degli esercizi più efficaci per rafforzare e tonificare le natiche è il ponte, che aggiunge l’efficacia se si aggiunge la resistenza della fascia elastica. In questo caso la banda sarà posta sotto i glutei ; ti spieghi come farlo dopo:

  1. La posizione iniziale dell’esercizio si trova sul pavimento verso l’alto, con le ginocchia piegate e le suole dei piedi che appoggiano completamente sul pavimento
  2. Consiste nel sollevare il tronco e le anche verso il soffitto, concentrando la forza sui glutei
  3. Tieni 10 secondi questa posizione e quindi ripristina la posizione iniziale, per ripetere di nuovo

Si consiglia di eseguire questo esercizio 8

Calcio con gluteo e banda elastica

Un altro esercizio che si concentra molto efficacemente sulle natiche è il cosiddetto “calcio di glutea”. Poi vi spiegheremo passo dopo passo come eseguire questo esercizio :

  1. Per fare questo, posiziona la fascia elastica attorno alle caviglie. La posizione iniziale è quella di sostenere le braccia e le ginocchia sul pavimento
  2. L’esercizio consiste nel sollevare una delle due gambe, eseguendo un movimento di calcio verso l’alto, mantenendo l’altra gamba appoggiata con il ginocchio sul pavimento
  3. il movimento deve essere controllato per funzionare correttamente i muscoli glutei
  4. L’esercizio viene ripetuto 6 volte con ogni gamba

Si raccomanda di fare 4 set di 6 ripetizioni con ogni gamba

Calcio gluteale laterale con banda elastica

Questa variante del calcio gluteale aiuta anche a fermare i muscoli che lo rendono. La fascia elastica sarà posta al di sotto delle ginocchia per aumentare la resistenza. Continua a leggere per sapere come eseguire correttamente questo esercizio:

  1. A partire da una posizione di partenza iniziale e si consiglia di appoggiarsi su una superficie come un muro o un oggetto come una sedia, con la mano opposta alla gamba che è eserciterà prima
  2. Dalla posizione in piedi e con le ginocchia separate in base alla larghezza delle spalle, la gamba opposta alla mano sostenuta viene sollevata lateralmente e viene riportata nella posizione iniziale per eseguire nuovamente movimento
  3. Ripeti 6 volte con ogni gamba

 

Come prendersi cura delle piante grasse – Tutorial e foto

Tipi di piante grasse

Le piante grasse sono alcune delle  conosciute perché hanno forme, dimensioni, colori e fiori di grande varietà, rendendo la nostra casa più accogliente e dando un tocco naturale e semplice. La scelta di una di queste piante può essere una decisione difficile, non per la sua complessità ma per la sua grande varietà, in quanto esiste un gran numero di specie. In particolare, queste sono le principali specie di piante succulente :

  • Agavaceae : 300 specie native dell’America centrale e del Nord.
  • Aizoaceae : 2.000 originarie del sud Africa
  • Apocynaceae : 500 da Africa, dalla penisola araba e dall’India
  • Asphodelaceae : 500 da Africa, Madagascar
  • Cactaceae : 1.600 dall’America
  • Crassulaceae : 1.300 originarie di tutto il mondo
  • Didiereaceae : 11 originarie del Madagascar
  • Euphorbiaceae : più di 1.000 originarie di tutti i continenti
  • ]: più di 500 originali provenienti dall’America

Così, possiamo trovare una grande varietà di piante per scegliere quale preferiamo per decorare la nostra casa. Naturalmente, ogni specie ha determinate esigenze specifiche, ma ci sono certe cure di base delle piante succulente che devi sapere per prendervi cura di loro in casa e che, in questo modo, guardi sempre in salute

Poca acqua, la principale cura delle piante grasse

Si tratta di piante che contengono sempre una buona quantità di acqua dentro di loro che consente di superare periodi di siccità e di calore estreme. Essi hanno due modi per ottenere questo: da una parte essi dispongono di alcune parti, come le foglie o gli steli, che conservano acqua e dall’altro riducono la traspirazione per mantenerla meglio

. in grado di mantenere l’acqua non significa che dobbiamo inondarli in modo da poterli assorbirli, poiché raccolgono acqua sia dalle radici che dall’ambiente, attraverso le foglie. Infatti, la peculiarità del potere per raccogliere efficacemente l’umidità con foglie è quella che consente a molte specie di questo tipo di essere aeree, cioè di sospendere nell’aria o in luoghi senza appena terra

Mentre lo conservano molto facilmente se superiamo l’irrigazione potremo solo annegarli. Pertanto, l’irrigazione eccessiva è una delle ragioni principali per cui queste piante muoiono in casa, poiché a volte non sappiamo come prendervi cura di loro e trattarli come qualsiasi altra pianta. Come accade con i cactus altre piante che conservano molta acqua, è necessario che l’irrigazione delle piante succulente sia con poca acqua . Inoltre, nei mesi di alte temperature possono essere annaffiati una volta alla settimana ma il resto dell’anno, quando è freddo, è necessario ridurre l’irrigazione a ogni quindici giorni .

Il terriccio per piante grasse

Questo tipo di piante cresce su alberi e zone rocciose, pertanto il substrato per le piante succulente deve essere povero il che significa che non c’è bisogno di utilizzare una terra molto ricca di minerali. L’ideale per la pianta o il trapianto di una pianta crasa è quello di utilizzare una miscela di substrato normale, cioè terreno con minerali e substrato per cactus, con pietre porose o sabbie.

Il buon drenaggio è essenziale per le piante Grasse

Come per quasi tutti, le piante succulente necessitano di un buon drenaggio per poter rimuovere l’acqua in eccesso dall’irrigazione e impedire la formazione di acqua. Se ciò avvenisse, le parti dell’impianto più succulente, vale a dire che normalmente conservano acqua, diventano ammorbidite e alla fine muoiono, e poi le altre parti dell’impianto che normalmente non conservano l’acqua seguiranno lo stesso processo. 19659017] Pertanto, quando si innaffia, ricordati di non superare e lasciare che l’acqua in eccesso sia scaricata e scaricata bene. Non mettere un piatto sotto il piatto o metterlo ma dopo un breve periodo di tempo vuoto in modo che la pianta non assorbe l’acqua in eccesso

Molta luce naturale

Le piante grasse hanno bisogno di molta luce naturale , ma il sole diretto, soprattutto nelle ore più forti e in estate, è nocivo perché può disidratarli eliminando le riserve idriche e bruciandole facilmente. Pertanto, non metteremo queste piante in aree dove il sole è pieno o interno, cioè collegato ad una finestra o all’esterno, ma è meglio metterli in una zona di sole e ombra o piena ombra ma a cui viene la luce naturale. Naturalmente, ci sono alcune specie che sostengono il sole diretto meglio di altri, quindi è consigliabile informare il negozio quando si acquista una specie specifica.

Quindi, se vedi che i tuoi succulenti cominciano ad avere le foglie rossastre , marrone e secco è che il sole che li raggiunge è eccessivo. Per ovviare a questo, si consiglia di cambiarlo immediatamente in un’area più adatta e di prugna le parti che sono completamente asciugate. Al contrario, se le foglie pallide è un segno che l’impianto necessita di più luce solare

Come si curano d’estate

Per cura per le piante grasse nei mesi caldi devono essere presi in considerazione i seguenti suggerimenti:

  • Per avere luce naturale ma senza sole diretto, se sono all’aperto, è meglio essere all’ombra
  • Substrato mescolato con terreno e sabbia o terra con cactus pietre porose, tranne nelle specie aeree che non richiedono substrato o in quantità molto limitate. Devono sempre avere un efficace drenaggio
  • Irrigazione con poco acqua una volta alla settimana e una certa umidità, senza bagnare direttamente le foglie
  • Meglio all’interno e vicino a una finestra senza il sole diretto, ma se sono messi all’esterno meglio per metterli nell’ombra

Come curare in inverno

Infine, per accudirle nei mesi freddi seguire questi suggerimenti :

  • hanno bisogno di luce naturale e che il sole li dà un po ‘, poiché in questo tempo non è forte
  • Se non è una zona di temperature molto basse possono stare al di fuori, ma se è molto freddo è meglio metterli nell’interno vicino a una finestra, poiché proprio come possono essere bruciati con il sole diretto possono anche arrivare a congelarsi con il freddo eccessivo.
  • Il substrato e il drenaggio dovrebbero essere gli stessi in qualsiasi momento dell’anno, quindi in inverno ci sono quelli che abbiamo già menzionato
  • L’irrigazione dovrebbe essere estesa e fatta una volta ogni due settimane, anche se è bene mantenere un po ‘di umidità ambientale

Come gli animali notturni possono vedere al buio – Tutorial e foto

Gli animali notturni possono vedere nel buio perché hanno una superficie riflettente chiamata tapetum lucidum che è uno strato di tessuto situato nella retina, anche se in alcune specie è dietro.

Questo tessuto sviluppato per vedere bene nel buio è ciò che consente a certi animali di fare vita notturna o crepuscolare, in quanto in alcune specie è più sviluppato che in altri, mentre in altri, animali diurni, è praticamente inesistente o non esiste

Grazie a questa parte degli occhi, questi esseri viventi possono vedere forme e colori che gli animali diurni, come noi, non possono vedere in condizioni di oscurità o di scarsa luce. Infatti, gli animali diurni possono ottenere un po ‘orientati al buio dopo aver preso un po’ in esso, poiché gli occhi vengono utilizzati un po ‘, ma solo quando ottengono un minimo di luce, ad esempio nel tempo crepuscolare e in tutta la notte se la luce della luna è abbastanza luminosa. Così molte specie animali hanno abbastanza che la luna brilla poco per essere in grado di vedere perfettamente, altri devono aspettare il crepuscolo, quando il sole sorge o esce, per essere in grado di vedi bene Ma, inoltre, gli animali notturni possono orientarsi al buio non solo grazie alla loro visione più evoluta, ma anche perché hanno un odore e un buon odore . Inoltre, alcune specie non solo hanno questi sensi molto più sviluppati, ma hanno anche adattamenti come l’ecolocazione e il thermoceptors per orientarsi nello spazio e trovare cibo. L’echolocation permette l’orientamento tramite vibrazioni e termoregolazione grazie alla sensibilità alle temperature differenti

Gli animali notturni approfittano delle ore diurne per riconquistare forza, dormire e riposare, ma anche la loro vista non è così buona in questo parte della giornata, poiché la luce è troppo per loro. Al contrario, gli animali che sono crepuscolari o hanno abitudini sia notturne che diurne, possono adattarsi al vagare durante il giorno e muoversi o trovare cibo, specialmente in stagione di accoppiamento.

Gli occhi di alcuni animali, totalmente notturni o con attività sia di notte che di giorno, brilla proprio per la parte dell’occhio che abbiamo commentato che permette loro di vedere meglio al buio. Il tapetum lucidum è la parte dell’occhio che consente agli animali notturni di vedere bene la notte e, in tal modo, produce una luminosità intensa negli occhi . Il motivo è perché questo tessuto contiene guanina (19459003) più numero di canne cellule occhio sensibili alla luce e entrambi consentono a questo strato di occhio di raccogliere più luce dall’ambiente e riflettere illuminando la vista di questi animali

È dunque risaputo che gli animali possono avere attività sia giorno che notte secondo le loro esigenze al momento dell’anno in cui sono. Ad esempio, i lupi sono principalmente notturni, ma nei mesi invernali si possono vedere movimenti e caccia in alcune ore del giorno. Ci sono anche gli animali crepuscolari cioè hanno la maggior parte delle attività durante il crepuscolo e sfruttano la poca chiarezza che esiste quando il sole inizia a salire e quando comincia a impostare.

Oltre a conoscere i nomi, in tutto l’articolo è possibile trovare diverse immagini di animali notturni e anche come i tuoi occhi brillano in modo da poter vedere perfettamente nel buio della notteSe ti piace apprendere come gli animali notturni possono vedere al buio, potrebbe anche essere interessato a conoscere 8 animali che camuffano per sopravvivere e come fanno.

Come rimuovere le macchie di gomma dalla tappezzeria – Tutorial e foto

I bambini le amano perché possono gustare diversi sapori: fragola, menta, cocomero, tra gli altri. Inoltre, la gomma da masticare senza zucchero ha alcuni vantaggi, come ad esempio, può aiutarti a soddisfare la fame, alleviare lo stress e migliorare la memoria, oltre a combattere l’abitudine al fumo.

Sembra incredibile che una semplice gomma da masticare può aiutarti così tanto. Uno degli argomenti principali a favore della gomma da masticare è che può contribuire a calmare l’ansia, migliorare l’umore, ridurre la stanchezza mentale e soprattutto lo stress. E la cosa migliore è scegliere una gomma da masticare senza zucchero zuccherato, in modo da non aggiungere calorie e evitare problemi dentali come le cavità. Al contrario, può causare distensione addominale e gas per aspirazione aria mentre lo masticeremo. Ma non solo, in termini di pulizia, uno dei peggiori incubi che molte madri e padri hanno quando lavano i loro vestiti dei figli è che hanno una gomma attaccata al tessuto. In unCOMO, mostriamo come rimuovere le macchie di gomma da masticare dalla tappezzeria.

Le macchie di gomma possono essere complicate da rimuovere in caso di penetrazione del tessuto, quindi non ci sarà più alcuna rimozione asciutta nel lavaggio a secco.

La ​​stessa procedura seguirà quando la gomma da masticare è bloccata nella tappezzeria del divano, dell’auto o addirittura in alcuni mobili. In primo luogo rimuoveremo tutte le gomme che possiamo con le nostre dita e appliceremo ghiaccio direttamente sulla zona. Quando la gomma da masticare è congelata, utilizzeremo una spatola o un coltello opaco per rimuoverlo raschiando. È importante procedere con cautela in questa fase in modo da non danneggiare il tessuto. Successivamente, possiamo anche utilizzare KH7 SENZA STAINS per strofinare l’area con uno spazzolino da denti per rimuovere la rimanente macchia di gomma e infine lavare l’indumento normalmente.